IUS ET SALUS - Periodico online di diritto sanitario e farmaceutico

Trasparenza

Il Garante per Protezione dei Dati Personali ha pubblicato sul proprio sito istituzionale le FAQ in evidenza, allo scopo di fornire una serie di chiarimenti e indicazioni agli IRCCS, ossia agli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico ex art. 1 d.lgs. 16/10/2003, n. 288, in merito all’utilizzo dei dati raccolti per l’attività clinica per ulteriori finalità di ricerca medica.



Va ribadito come anche la pubblica amministrazione debba poter sfruttare le rilevanti potenzialità della c.d. rivoluzione digitale.



La materia «tutela della salute» può consentire alla Regione di prevedere un onere concernente l’installazione di impianti di videosorveglianza […] ma certo non autorizza la Regione a operare una cernita delle fonti rilevanti e a dettare essa stessa le regole concernenti i citati ambiti.



Sotto il profilo dei costi della manodopera, il giudice verifica che l’amministrazione non abbia fatto un uso palesemente erroneo, illogico o irrazionale della discrezionalità tecnica, potendosi dubitare della congruità dell'offerta, … qualora la discordanza sia considerevole e palesemente ingiustificata, alla luce di una valutazione globale e sintetica. L’obbligo di riassorbimento dei lavoratori deve essere compatibile con l’organizzazione di impresa dell’imprenditore subentrante.



Con i provvedimenti, registro provvedimenti numeri 194 (nei confronti di LAZIOcrea S.p.A.); 195 (nei confronti dell’ASL RM3) e 196 (nei confronti della Regione Lazio), tutti e tre del 21 marzo 2024, pubblicati sul sito istituzionale dell’Autorità Privacy in data 10 aprile 2024, il Garante per la Protezione dei dati personali ha riscontato – a carico di ciascuno dei soggetti coinvolti dall’attacco informatico al sistema sanitario regionale, accaduto nella notte tra il 31 luglio e il 1° agosto del 2021 (Regione Lazio, LAZIOcrea S.p.A. e Asl Roma) – diverse violazioni della normativa di settore e, di conseguenza, ha irrogato a ognuno di essi sanzioni amministrative pecuniarie di diverso importo, in corrispondenza dei differenti ruoli, responsabilità e violazioni.



L’art. 53, co. 6, del d.lgs. n. 50/2016, nel caso in cui sussistano le più pregnanti necessità di tutela del “segreto”, “cioè di un quid pluris rispetto alla mera “riservatezza” della documentazione oggetto dell’accesso”, esige una giustificazione maggiormente qualificata, cioè la strumentalità dell’accesso alla difesa in giudizio.



Dopo 36 ore di negoziato, il 9 dicembre 2023 il Parlamento e il Consiglio europei approvano l’«AI ACT», ossia la legge europea sull'intelligenza artificiale (I.A. – A.I., secondo l’acronimo straniero “Artificial Intelligence”). Un quadro giuridico unico per lo sviluppo dell'intelligenza artificiale, nel contesto degli utilizzatori unionali, è una novità mondiale di primaria importanza.



Approvato dal Senato della Repubblica, all’unanimità, il 5 dicembre 2023, il testo del Disegno di Legge, recante “Disposizioni per la prevenzione delle discriminazioni e la tutela dei diritti delle persone che sono state affette da malattie oncologiche”, dopo il voto favorevole della Camera dei Deputati nel mese di agosto 2023 (cfr. C. 249 in questo periodico).



A.N.A.C. PARERE IN FUNZIONE CONSULTIVA N. 58/2023, DEL 15/11/2023. Con il parere in funzione consultiva n. 58/2023, pubblicato in data 30 novembre 2023, ANAC ribadisce che la rotazione negli appalti pubblici è obbligatoria per il RUP, quando la stazione appaltante intenda assegnare l’appalto mediante affidamento diretto ovvero mediante procedura negoziata nella quale la stessa operi discrezionalmente la scelta dei concorrenti da invitare.



ANAC, nella delibera in evidenza, ribadisce che la proroga tecnica dei contratti pubblici ha carattere eccezionale e di temporaneità, essendo uno strumento che assicura una data prestazione in favore della Pubblica amministrazione, nelle more dell’espletamento di una nuova procedura di gara ed è ammessa solo nei casi eccezionali in cui, per ragioni oggettive estranee all’amministrazione, vi sia l’effettiva necessità di assicurare il servizio nelle more dell’espletamento di una nuova procedura di gara.



La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, nel documento in evidenza, esamina la proposta di programma della Commissione XII della Camera sulla situazione della medicina dell’Emergenza Urgenza e dei Pronto soccorso in Italia, evidenziandone le maggiori criticità, reali e condivisibili. La Conferenza de qua condivide, in particolare, una serie di considerazioni e proposte al fine di a migliorare la condizione del sistema di emergenza-urgenza ospedaliero.



Il Tribunale di Cremona, in funzione di giudice del lavoro, ha deciso su una controversia dai tratti fattuali e giuridici del tutto peculiari, riguardante le conseguenze di un legato disposto a favore di un medico dirigente presso un’azienda sanitaria, «al solo scopo di ringraziarlo per la prestazione resa» alla paziente testatrice. Trattenere il legato viola, secondo il giudice, il codice di comportamento dei dipendenti pubblici.



L’accesso civico generalizzato, azionabile da chiunque senza previa dimostrazione di un interesse personale, concreto e attuale in connessione con la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti e senza oneri di motivazione in tal senso della richiesta […] è funzionale a un controllo diffuso dei cittadini, al fine di assicurare la trasparenza dell'azione amministrativa e di favorire un preventivo contrasto alla corruzione.



L’inesatto riferimento all’art. 89 del d.lgs. n. 50/2016 non può valere a fondare l’esclusione del concorrente, occorrendo far prevalere la sostanza sulla forma e privilegiare l’evidenza mostrata dal contenuto del contratto […].



Individuati i contenuti del Fascicolo sanitario elettronico (FSE); i limiti di responsabilità e i compiti dei soggetti che lo implementano; le garanzie e le misure di sicurezza nel rispetto dei diritti dell'assistito.



Il provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali n. 426 del 28/09/2023 offre interessanti spunti di riflessione su un tema di massima attualità (quello del “contagio digitale” prodotto da un ransomware ai danni di una ASL).



L’autore ricostruisce la normativa multilivello in materia di obblighi informativi, comunicativi e documentali gravanti sui fabbricanti e mandatari di dispositivi medici che intendano offrire i propri prodotti concorrendo con altri operatori all’aggiudicazione di gare per la fornitura degli stessi, soffermando in particolare l’attenzione sul ruolo della lex specialis, delle fonti regolamentari e delle linee guide adottate nella materia de qua.



Laddove il frazionamento è, in via di principio e sia pure tendenzialmente doveroso […], il vincolo di aggiudicazione opera in una (più) discrezionale prospettiva distributiva (propriamente antitrust), intesa come tale a disincentivare la concentrazione di potere economico, a precludere l’accaparramento di commesse da parte operatori ‘forti’, strutturati ed organizzati facenti capo ad unico centro decisionale. […] In tale prospettiva, la questione sarebbe (sempre) rimessa alla previsione – necessariamente espressa, non potendosi desumere un vincolo implicito – della lex specialis.



Approvato il 3 agosto 2023 dalla Camera dei Deputati il testo unificato – risultante dagli emendamenti approvati in sede di esame referente, trasmesso al Senato – relativo alla Proposta di legge ordinaria, recante «Disposizioni per la prevenzione delle discriminazioni e la tutela dei diritti delle persone che sono state affette da malattie oncologiche» (Atto Camera n. 249-A).



Al fine dell'esercizio del diritto di accesso che abbia ad oggetto dati sensibili, è essenziale dimostrare … la concreta necessità (e, dunque, la stretta indispensabilità) dell'utilizzazione della documentazione richiesta in uno specifico giudizio. L'onere della prova del suddetto nesso di strumentalità incombe … su chi agisce. L'interesse difensivo all'accesso … va, dunque, verificato in concreto. È altresì necessario provare il collegamento tra la posizione giuridica soggettiva da tutelare e i documenti oggetto della richiesta di accesso.



logo laterale

DIRETTORE RESPONSABILE
Avv. Vincenza Di Martino

DIRETTORE EDITORIALE
Avv. Antonio Cordasco

DIRETTORE SCIENTIFICO
Prof. Guerino Fares

REDAZIONE
Via Pompeo Magno, 7 - 00192 Roma
Telefono +39 06 8072791
Fax +39 06 8075342
Email redazione@iusetsalus.it

REGISTRO DELLA STAMPA
Iscritta al Tribunale di Roma
in data 28/03/2019 al n. 40/2019

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

I contributi scientifici sono pubblicati per gentile concessione della Rivista quadrimestrale di diritto sanitario e farmaceutico Ius & Salus:

logo rivista

rivistaiusetsalus.it

Il periodico collabora con Federsanità ed offre un continuo e costante aggiornamento sia normativo che giurisprudenziale sui temi di interesse degli Enti associati:

logo federsanita

federsanita.it

ilmiositojoomla.it

Chiediamo il consenso al trattamento dei dati personali esteso alla profilazione ed all’eventuale trattamento tramite società terze nonché all’uso dei cookie. Cliccando sul bottone "Acconsento", acconsenti al trattamento dei dati necessari al funzionamento del sito e alla memorizzazione del consenso all'installazione di tutti i coookies, compresi quelli di terzi, per un perido di 48 ore, durante le quali non apparirà più questa informativa breve, ma sarà sempre possibile modificare le proprie preferenze accedendo alla informativa estesa contenuta nel sito. Per le finalità di utilizzo, la Privacy Policy e per rivedere la tua scelta in qualsiasi momento, clicca sul pulsante “Privacy e Cookie policy” o sul link presente in fondo ad ogni pagina del sito.